Comunicato stampa: 27 aprile 2009 – 8° giorno dell’occupazione della Facoltà di Lettere e Filosofia di Zagabria

Visto che il Consiglio della Facoltà, alla sua riunione del 22 aprile 2009, ha preso la decisione di interrompere tutte le lezioni solo fino a domenica 26 aprile (avendo in questo modo semplicemente confermato la situazione presente), la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Zagabria è di nuovo formalmente sotto occupazione, fino a una presa di posizione delle istituzioni responsabili riguardo alle richieste studentesche. La decisione di continuare l’occupazione della Facoltà è stata presa al plenum di ieri sera per un’approvazione pressoché unanime dei partecipanti. Il Preside della Facoltà, Miljenko Jurković, al suo ritorno dal Brasile, ha convocato per oggi alle 14 la riunione di tutti i capidipartimento, senza la partecipazione di studenti. Nel caso che alla suddetta riunione vengano prese delle decisioni contrarie alla posizione assunta finora dalla Facoltà nei confronti degli studenti e dei loro metodi di contestazione, il plenum prenderà una posizione in riguardo, appena avrà preso atto di tali decisioni.

Dopo una breve “tregua”, i media croati (soprattutto la stampa) hanno inaugurato una nuova serie di articoli squalificanti; a differenza della prassi dei giorni passati, non intendiamo esaminarli ora uno per uno, dato che in essi vengono più che altro continuamente ripetute delle argomentazioni infondate, che abbiamo già smentito in diverse occasioni. L’unico elemento nuovo della rappresentazione dell’iniziativa studentesca, nei media e in particolar modo nei testi di alcuni giornalisti di spicco, è un cinismo indecente e del tutto inappropriato, visto il livello di articolazione sociale delle richieste. Tale cinismo, assumendo una posizione di superiorità e falsamente neutrale, serve a ritrarre gli studenti come una folla di ubriaconi, superficiali e inarticolati nell’espressione, impegnati solo a mettere in scena uno spettacolino adolescenziale secondo i canoni di un “folklore insurrezionale”. Gli autori di questo tipo di articoli mostrano in questo modo di non possedere alcuna cultura politica degna di questo nome e di essere del tutto insensibili alle questioni di massimo interesse pubblico.

Gli studenti ringraziano per il sostegno che ricevono dai più svariati settori della società croata. Ovviamente, con ciò intendiamo un sostegno che, a differenza di quello espresso da parte delle strutture di potere, va ben al di là di un appoggio affettato e dettato da interessi spiccioli di una politica ottusa. L’elenco delle persone, associazioni e istituzioni che appoggiano l’iniziativa studentesca, nonché i manifesti, comunicati stampa e tutti i materiali relativi, compreso il programma delle lezioni e manifestazioni alternative che si svolgono all’interno della Facoltà, si trovano all’indirizzo www.slobodnifilozofski.bloger.hr. A partire da questa settimana, gli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia di Zagabria tengono dei corsi gratuiti di preparazione per l’esame d’ammissione.

Un caro saluto ai compagni delle Università di Fiume (Rijeka), Zara (Zadar), Osijek e Spalato (Split), e in particolar modo alle facoltà che hanno preso parte della contestazione solo di recente o stanno per farlo. Venite a trovarci alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Zagabria, siete tutti benvenuti.

Tags:

Leave a Reply